Fattori che sfidano la durezza di una erezione

La durezza dell’erezione ultimamente non è il tuo punto forte? Oppure hai paura che si presenti anche questa eventualità e non vuoi che accada? In base a questo, possiamo dire che non si tratta di un problema accusato da pochi uomini… ma è persino il contrario. Per vincere questa “guerra” è necessario capire quali sono i fattori che sfidano l’erezione.

erezioneSostanzialmente, ci sono due sfidanti che sono abbastanza forti rispetto a te. Ebbene sì, non sono molti i fattori che inibiscono le erezioni o ne ostacolano la durezza ma, quelli che ci sono, sono spesso improvvisi, imprevisti e non si possono sempre controllare.

Il primo elemento che può influenzare negativamente una prestazione sessuale è più che altro determinato da un processo estremamente inevitabile: l’impatto dell’invecchiamento sul tuo corpo.

Magari da adolescente, l’erezione compariva anche al solo pensiero del sesso mentre, dopo una certa età, non è più così facile. Probabilmente ti sarà anche capitata su un autobus affollato e… sei dovuto scendere alla fermata successiva invece di tornare subito a casa dopo scuola! Infatti, nell’adolescenza, si può trattare di un avvenimento anche imprevisto ed imbarazzante, da “grandi” è tutta un’altra cosa, non è vero?

Un altro elemento che può interferire con la durezza è spesso relativo in qualche modo al processo di invecchiamento, ma non è detto. Si tratta appunto del calo dei livelli di testosterone.

Insieme a questo sì potrà notare  anche una diminuzione del desiderio sessuale di un uomo, un aumento del grasso corporeo e quindi del peso, la depressione, degli sbalzi d’umore, un calo della forza muscolare e, spesso, anche dell’energia.

I cambiamenti fisici che hanno un notevole impatto sulle prestazioni sessuali sono generalmente legati anche allo stile di vita. In questo caso è necessario tentare di cambiarlo il più presto possibile (al massimo intorno 40 anni), in maniera tale che, dopo i 50, i problemi di erezione e della sua durezza, siano meno gravi.

Per cominciare a ritardare l’apparizione di questi fattori è importante innanzi tutto essere consapevoli di tutti questo. La buona notizia è che esistono dei suggerimenti molto incisivi sulla propria vita sessuale dati da un sessuologo professionista.

Naturalmente esistono dei fattori che non sono inevitabili e che possono essere combattuti con maggior facilità. Uno di questi, ad esempio, è lo stress: anch’esso determina una minor durezza del pene durante un rapporto sessuale. Ovviamente, il tuo organo genitale non è il diretto interessato, ma ne soffre di conseguenza.

Un altro fattore è l’apnea del sonno. Si tratta di una lieva malattia respiratoria che colpisce il 4-9% degli uomini adulti. È molto più semplice di quello che sembra. Sostanzialmente si manifesta  con il russare eccessivamente.

Questo comporta un affaticamento durante la respirazione. Questo ti far dormire male, ti arreca stanchezza e ti rende irritabile. Sembra banale ma realmente questo fastidio può causare una diminuzione della durezza del pene durante un rapporto. Inoltre, l’eccessivo consumo di alcol e/o di sonniferi, può aggravare il problema.

Se credi di avere questo problema, il consiglio è quello di  consultare un medico al più presto. La risoluzione di esso di farà genericamente star meglio.

Questi sono i fattori che vanno a compromettere la tua vita sessuale. Adesso che lo sai, saprai come poter prevenire questi eventi o disturbi e potrai contare sul fatto che la durezza del tuo pene non ne subirà le conseguenze (almeno finché puoi!).

Lascia un commento